Tag

,

VILLADOSSOLA – Sarà inaugurata venerdì 2 ottobre, alle ore 16, la prima personale di Bruno Prandini nello spazio mostre della Fabbrica di Villadossola. L’artista di Pieve Vergonte (ma è nato a Bannio Anzino nel 1950) ha preso i primi rudimenti pittorici dal padre Pierino che non solo dipingeva, ma affrescava anche cappelle devozionali o cimiteriali ed era stato aiutante di Giuseppe De Giorgis, noto affreschista diplomatosi alla scuola francese di Belle Arti di Bordeaux. Bruno, però, pur frequentando affermati colleghi, fino ai cinquant’anni ha sempre solo disegnato per diletto. Del resto, come afferma lui stesso: “Ero appassionato un po’ di tutti gli sport, soprattutto di motori. Tra l’altro, ho fatto parte, come tecnico motore, carenature e meccanica, del team che ha costruito la Go Kart del MondoKart di Milano: quel bolide ha stabilito per tali vetture il record mondiale di velocità”.

Dal 2005, comunque, Prandini s’impegna con costanza a dipingere, ha frequentato corsi di pittura, come quello dell’Ada-Con di Domodossola tenuta dal maestro Ugo Pavesi ed ha esposto in numerose collettive: più volte a Pieve Vergonte durante la festa patronale o a Trobaso, frazione di Verbania, e poi al LaborArt di Piedimulera, allo spazio di vicolo Facini a Domodossola e a La Fabbrica di Villadossola.

In questa sua prima mostra personale proporrà una settantina di lavori prodotti in questi anni, dalle chine agli acquerelli, dagli oli agli acrilici su tela. I soggetti sono quelli classici: paesaggi ripresi un po’ in tutte le valli ossolane, ma anche al lago; nature morte con oggetti svariati, frutta o altri prodotti; vasi di fiori, ma anche alcuni ritratti e qualche omaggio ad artisti più o meno noti.

La mostra sarà visitabile fino al 12 ottobre nei seguenti orari: 16-19 e 20-22.

G. P.

     

articolo pubblicato anche su Eco Risveglio