EUGENIO GIUDICI: “INTRIGO SUL LAGO DORATO”

Tag

, , ,

Cattura

VILLADOSSOLA – Il primo romanzo giallo “Anna senza amore” di Eugenio Giudici, con il commissario Saro Di Matteo a indagare, è ambientato a Villadossola. In giallo, lo ha però trasformato in corso d’opera. In un primo momento lo aveva, infatti, scritto per ricordare le origini ossolane della sua famiglia e i felici tempi delle sue vacanze, trascorse da ragazzo nella casa della nonna e del bisnonno tra la metà di giugno e i primi di ottobre a Villadossola e nella valle Antrona, dove vivevano le zie maestre: <<Era bello stare lì>> afferma, <<e molto formativo soprattutto per i racconti e le letture della zia Anna, in realtà cugina, l’unica che da bambino mi leggesse favole e libri>>. L’autore, nato a Rho nel 1950, aveva, comunque, già pubblicato altri volumi ed era stato finalista al XXV premio Calvino con “Piccole Storie” edito da Antigone; in seguito, per le edizioni Castelvecchi aveva dato alle stampe “L’ultimo Galeone”.
Continua a leggere

Annunci

“Il Raduno” un romanzo giallo spionistico di Luigi Papanice

Tag

, ,

 

Il Raduno - copertinaMALESCO – Da anni Luigi Papanice, con lo pseudonimo di “The Hawk” (il Falco), si dedica ai suoi romanzi fantapolitici, ambientati ai tempi della guerra fredda tra Unione Sovietica e Stati Uniti. Ne ha già pubblicati dieci e in questi giorni, fresco di stampa, ecco l’undicesimo, “Il raduno” (Ed. Youcanprint, Lecce – pg 278 – € 15), che sarà presentato il 22 aprile a “La Fabbrica di Carta” di Villadossola, quest’anno dedicata al giallo, poliziesco, noir.  La trama, anche se solo in parte, è ambientata e costruita attorno all’annuale manifestazione legata al raduno degli spazzacamini della Valle Vigezzo (dove lo scrittore, milanese di nascita, da quasi vent’anni risiede). Continua a leggere

“Incontri e residui” di Joseph Zicchinella

Tag

, ,

Alla Galleria Cortina di Milano sono esposti “transcollage” che si presentano a un’intensa interpretazione allegorica e a una forte evocazione espressiva. Fino al 31 marzo 2018

Alla Galleria Cortina di Milano, via Mac Mahon 14, fino al 31 marzo sono esposte alcuneIMG_5034[1] opere di Joseph Zicchinelli dipinte tra il 1998 e il 2018. Sono una quarantina di tecniche miste della sua arte informale, create nell’intimità di attimi emozionali, in cui l’artista scompone le forme con onirica gestualità, lasciandovi colori vivi e accesi, racchiudendole poi nel plexiglass. L’occhio del visitatore rimane affascinato e catturato dall’assemblaggio armonico e vibrante di questi “transcollage” che si prestano a un’intensa interpretazione allegorica e a una forte evocazione espressiva. Continua a leggere

Fortunato Tami: La maestria del segno, l’armonia del colore.

Tag

,

Un pittore dimenticato, oggi rivalutato dalla Mostra del 2017 al Forum di Omegna

Sto sfogliando, con qualche mese di ritardo, il catalogo che il Comune di Omegna, inIMG_4859[1] occasione della mostra dello scorso anno al Forum, ha dedicato a Fortunato Tami (1875-1942), un pittore figurativo autodidatta, nato a Ovaro (UD) in Carnia, che fin da giovane si dedicò all’incisione e al disegno litografico. Continua a leggere

GIOVANNI BILLARI: “UN VESTITO A PENNELLO” (MDF Michele Di Fiore Editore – Milano, 2017 – pag. 310)

Tag

, , ,

L’autore è Giovanni  Billari: da abile sarto a gallerista. Fondatore e direttore della “Ciovasso”, uno spazio espositivo che fu punto d’incontro di collezionisti, critici, pittori, scultori e fotografi, provenienti da diverse parti del mondo. Un volume di oltre 300 pagine con la storia minuta ma importante d’innumerevoli mostre personali e collettive (alcune a tema). E’ il diario umano e professionale di un testimone particolare della vita artistica milanese dalla fine degli anni Sessanta del secolo scorso a oggi.

barillari Continua a leggere

Addio allo scrittore Gianfranco Lazzaro

Tag

,

Franco Esposito ricorda l’amico

Gianfranco Lazzaro (Baveno 1930 – Stresa 2018) giornalista, poeta, scrittore e 1250707_1414128950-kHzC-U110122458053439e-1024x576@LaStampa.itpresidente del Premio Stresa di Narrativa. Dopo una gioventù da operaio, divenne giornalista e iniziò nel 1956 a scrivere sulla Gazzetta del Popolo. Ha poi collaborato con la Rai; nel 1967 ha fondato e diretto la rivista La Provincia Azzurra. Ha vinto il Premio Gastaldi di poesia nel 1955 per Prati d’Arniche e la prima edizione del Premio Stresa di narrativa con Il cielo colore delle colline nel 1976.  L’apice del successo lo ha raggiunto con il romanzo Berto (Rebellato 1982).

Continua a leggere

Ritratti e Paesaggi del fotografo Michele Frasca

Poesie per immagini

14203152_10207572191882514_3157324000481975600_nPiù che agli aspetti tecnici e a chi sta dietro alle fotocamere e agli obiettivi, a me preme il risultato delle immagini e dei soggetti fotografati. È, poi, affascinante notare come gli scatti di un fotografo possano essere differenti da quelli di un altro, nonostante che magari entrambi usino lo stesso tipo di attrezzatura o quasi e riprendano lo stesso soggetto. È, forse, per questo che sono stato attratto dalle istantanee di Michele Frasca raccolte e pubblicate nel suo catalogo di Ritratti e paesaggi, con scritti del Prof. Matteo Cammareri, del giornalista Michele Miscia e di Valentina Beltrami. Continua a leggere

Adriana Pedicini: “I luoghi della memoria”

Tag

, , ,

<<Le storie di questa raccolta sono legate da un motivo conduttore, enunciato dalwww.mondadoristore.it sottotitolo: “Racconti sul filo della memoria”, che suona come una dichiarazione d’amore per il passato, per quel tempo perduto che “srotola all’indietro riportandoci in un baleno a ciò che eravamo” ma che trova nella cultura locale, sempre radicata nei costumi, una continuità nel presente>>. Così dichiara, tra l’altro, Adriana Pedicini nella prefazione de “I luoghi della memoria” e con questo viatico ho iniziato a leggere il libro, ben scritto con una prosa forbita, sciolta e scorrevole, dal tocco lirico. L’autrice, del resto, è stata docente di lettere classiche nei Licei e squisita creatrice di versi armoniosi, intensi e commoventi, che ha pubblicato in alcune sillogi. Continua a leggere

Gianni Longo: “Lasciami almeno un sogno” – Armando Curcio Editore

Tag

,

OBNC5270A volte, il modo per far piacevoli letture è quello di andar vagando tra le librerie… e così mi sono imbattuto in questo gradevole volume di Gianni Longo: Lasciami almeno un sogno. Sono qui raccolti scritti, dove ogni argomento pare intrecciato a un altro in un cammino sinuoso e lastricato di perle, pensieri, considerazioni, tra arte e letteratura, che diventano nutrimento per la mente, al fine di comprendere la nostra situazione concettuale in quest’era di oscurità, almeno per il momento. Continua a leggere