Intervista a Luisella Fiocchi

Pittrice e scrittrice milanese, Luisella Fiocchi vive ora in Val d’Ossola. Diplomata in Disegno, Pittura e Grafica all’Accademia di Brera, a Milano ha iniziato a dipingere quadri con tecniche diverse e a illustrare libri per bambini per le case editrici Fabbri, Edicart, Marietti, Le Stelle. Negli anni, ha poi allestito mostre personali ed esposto in collettive, in varie località italiane. Il suo ultimo romanzo, “Oltre il fiume” è stato pubblicato da Europa Edizioni (Roma). L’ha intervistata Giuseppe Possa, nella sua casa di Premia in Val Di Vedro. Continua a leggere

Ricordo dell’artista milanese Massimo Piazza. Pittore di luce e segno

Colgo la triste occasione dell’improvvisa morte (avvenuta tra la notte del 27 e 28 ottobre 2020) dell’amico e pittore Massimo Piazza per tracciare un profilo di questo autentico e artista e grande uomo, nato a Pontenure (PC) nel 1943.

Massimo Piazza iniziò la propria formazione nel liceo artistico di Carrara, per poi proseguire gli studi a Brera (allievo di Floriano Bodini) dove si è diplomato. Dopo un lungo periodo dedicato all’insegnamento del disegno in alcuni licei statali, passò ad operare nel campo della comunicazione visiva e della grafica. Tuttavia, coltivò sempre, ed è stata la sua attività prevalente, l’espressione pittorica. Continua a leggere

Maria Mansueto: tra pittura e poesia

Poetessa e pittrice, Maria Mansueto, laureata in pedagogia a La Sapienza di Roma, vive a Siena, ma è originaria della provincia di Caserta. Ha sperimentato e continua a sperimentare nella sua arte una sottile e penetrante espressione lirica e cromatica. Nella pittura ella si avvale di una sintesi stilistica, modulata su note astratto informale, con accenti figurali, che poi idealizza in rappresentazioni vibranti. Continua a leggere

Mostra a Omegna dell’“Università delle 3 età” dedicata a Gianni Rodari. Fino al 15 novembre

Tag

, ,

“… È IL MOMENTO DI LASCIAR LIBERA LA FANTASIA, DI CREDERE ALLE COSE INCREDIBILI CHE ESSA CI RACCONTERÀ” (Gianni Rodari)

OMEGNA – Una mostra interessante ricca di fantasia e viva di colori che si può visitare fino a metà novembre 2020 (da martedì a sabato, ore 9.30/12.30 e 15.00/18.00 – domenica, solo al pomeriggio, ore 15.00/18.00 – lunedì chiuso – ingresso libero) è quella allestita al Forum di Omegna (nella sala al primo piano, di fronte al Forum Shop) “… è il momento di lasciar libera la fantasia, di credere alle cose incredibili che essa ci racconterà”. Il titolo è preso da un motto di Gianni Rodari (Omegna 1920 -Roma 1980), scrittore, pedagogista, giornalista, poeta e partigiano italiano, specializzato in letteratura per l’infanzia e tradotto in molte lingue. Continua a leggere

Il pittore e scrittore Giorgio da Valeggia ha già recuperato alcuni dei suoi libri alluvionati

Chi li vuole acquistare e aiutare l’autore a recuperare quanto ha speso con grandi sacrifici per pubblicarli si può rivolgere direttamente a lui.

MONTESCHENO – <<Per me i libri dalla rabbia li avrei buttati tutti nel camino e trasformati in fumo, se gli amici di Facebook con la loro solidarietà non mi avessero trasmesso la speranza e la fiducia di poterne salvare una parte>>. A parlare così è il pittore e scrittore Giorgio da Valeggia Continua a leggere

Dalle risaie, ai laghi, alle alpi: la rivista Comazzi Bus 2020

Tag

,

DOMODOSSOLA – Prosegue anche quest’anno il successo della rivista “Comazzi: Bus 2020 (Direttore Responsabile: Raffaele Frassetti). L’annuale periodico di bordo della Società Comazzi, uscito un po’ in ritardo a causa del “Covid 19”, informa come sempre e illustra la propria attività con le fotografie “artistiche” (non solo promozionali) di Carlo Pessina, con la collaborazione della figlia Lara. La graziosa pubblicazione pattinata 120 pagine – voluta dall’Amministratore Carlo Galli, con il figlio Nicolò, imprenditore che ha fiuto, buon gusto e un occhio al territorio in cui opera l’azienda e di cui è proprietario con la famiglia – è distribuita gratuitamente negli esercizi turistici, negli enti, nelle scuole e naturalmente negli uffici e nei retro schienali degli autobus Comazzi. Continua a leggere

“VIETATO VIVERE” di Giorgio Quaglia

Tag

, , ,

Pubblichiamo l’intervento di Giorgio Quaglia durante la presentazione del volume di Rocco Cento, “Vietato Morire” (Ed. Mnàmon, Milano), alla Società Operaia (SOMS) di Domodossola, il 26 settembre 2020. (Nel libro è raccontata la storia di un insegnante che vive la condizione assurda, di chi pensa a una vita immortale, eterna, ma possibile solo sotto altre forme. Nel frattempo, appartiene a una comunità in cui è perseguitato, maltrattato dai suoi studenti, che lo accusano di pedofilia. In uno scontro con uno di loro, quest’ultimo vilmente colpito, cade accidentalmente da una finestra; portato in ospedale, muore. In obitorio ritorna in vita, nudo, poiché proprio in quel momento esce un’ordinanza che fa divieto di morire, “Vietato morire”, appunto). Continua a leggere

JOSEPH EL GREGO: Arte pittorica, arte cibernetica

Tag

,

Non conosco personalmente il pittore e scultore Joseph El Grego (Giuseppe Greco), nato ad Acicastello (CT) nel 1948, ma da anni lo seguo sui social e, in alcune occasioni, ho avuto modo di osservarne le opere. Prima degli studi all’Istituto d’Arte di Catania, dove si è diplomato ed ebbe tra i maestri Salvo Giordano, frequentò lo scultore Salvatore Zagarella, Maestro anche del più famoso scultore Emilio Greco (di cui a Catania c’è anche un museo). Continua a leggere

Intervista a Salvo Iacopino (a cura di Giuseppe Possa)

Tag

, ,

Salvo Iacopino articola il suo discorso poetico intriso di riflessioni raffinate e sorvegliate da risonanze universali, che è venuto maturando nel corso degli anni. In esse, la ricerca semantica e linguistica si dispiega in strutture limpide e appropriate, intense e sofferte; le parole, le aggettivazioni, sempre forbite, il ritmo sinuoso e musicale, rendono più corposo lo spessore dei suoi versi, i quali scaturiscono da cadenze della nostra migliore tradizione, da percorsi dell’inconscio o da pause del silenzio, che coinvolgono la partecipazione emozionale del lettore.  Infatti, la sua poesia irradia sentimenti e trepidazioni nel percepire la vita, là dove pulsa in profondità. Ne consegue un messaggio convincente nella sua umanità e la componente meditativa contiene la dimensione lirica, le ragioni del cuore, una speranza cosmica e un pathos umano di fronte alla caducità dell’esistenza. Continua a leggere

A La Fabbrica di Villadossola espone Bruno Prandini (dal 2 al 12 ottobre 2020)

Tag

,

VILLADOSSOLA – Sarà inaugurata venerdì 2 ottobre, alle ore 16, la prima personale di Bruno Prandini nello spazio mostre della Fabbrica di Villadossola. L’artista di Pieve Vergonte (ma è nato a Bannio Anzino nel 1950) ha preso i primi rudimenti pittorici dal padre Pierino che non solo dipingeva, ma affrescava anche cappelle devozionali o cimiteriali ed era stato aiutante di Giuseppe De Giorgis, noto affreschista diplomatosi alla scuola francese di Belle Arti di Bordeaux. Bruno, però, pur frequentando affermati colleghi, fino ai cinquant’anni ha sempre solo disegnato per diletto. Del resto, come afferma lui stesso: “Ero appassionato un po’ di tutti gli sport, soprattutto di motori. Tra l’altro, ho fatto parte, come tecnico motore, carenature e meccanica, del team che ha costruito la Go Kart del MondoKart di Milano: quel bolide ha stabilito per tali vetture il record mondiale di velocità”. Continua a leggere